Eventi Art and Cult

Illustrissima, le illustrazioni di Malika Favre a Vicenza

L’Illustrazione, dall’antichità ai giorni nostri

Il mondo dell’illustrazione è riconducibile ad un pianeta vastissimo, talvolta sottovalutato in quanto considerato come materiale per l’infanzia, eppure l’illustrazione è una tradizione antica, nobile e di grande livello artistico.

Il più antico esempio di illustrazione è rappresentato dal papiro Ramesseum (dal luogo del ritrovamento), in cui il testo che descrive la cerimonia dell’ascesa al trono del faraone Sesostri I, sovrano egizio della XII dinastia,  è associato a figure disegnate.

Fino al XV secolo l’illustrazione coincise con la miniatura, alla quale con l’avvento della stampa tipografica si affiancò, prendendone il sopravvento, l’incisione: prima su legno, poi su metallo.

L’Italia (Venezia e Firenze in primis) si distinse sotto il profilo della qualità delle illustrazioni producendo pregevoli esemplari dove fu raggiunto il perfetto equilibrio tra il testo e l’illustrazione, nel tipico stile rinascimentale.

llustrazione tratta da “La comedia di Dante Aligieri con la nova espositione di Alessandro Vellvtello”, (fonte: digitaldante.columbia.edu), 1544. Foto tratta da frizzifrizzi.it

In seguito, con l’Ottocento e il Romanticismo, prese corpo l’illustrazione destinata non più solo agli adulti ma anche ai bambini, mentre il XIX secolo si delineò come un periodo molto importante per il libro illustrato con una fiorente scuola di incisori e illustratori, soprattutto inglesi.

L’affacciarsi della fotografia e l’introduzione della pubblicità aprirono le porte al manifesto illustrato, terreno di esercitazione per molti noti artisti. Fino ad arrivare ai giorni nostri dove l’utilizzo del computer ha, in alcuni casi, sostituito la tecnica manuale.

Illustrissima Malika Favre, a Vicenza

Rivolta al mondo delle illustrazioni è la rassegna vicentina “Illustri Festival” – quest’anno giunta alla quarta edizione – dove a farla da protagonista è appunto l’illustrazione, sia nazionale che estera.

Tra le mostre che segneranno quest’edizione di Illustri Festival vi è quella dedicata a Malika Favre: “Illustrissima Malika Favre”, presso le Gallerie d’ItaliaPalazzo Leoni Montanari di Vicenza.

malika favre illustrissima

Malika Favre, la biografia

Malika Favre, le cui illustrazioni da quando l’ho scoperta casualmente sul web mi hanno incantata fin da subito per i loro sgargianti colori in stile pop, è un’apprezzata illustratrice e art director francese che attualmente vive a Barcellona, città in cui s’è trasferita nel 2018 dopo la permanenza inglese.

Cresciuta a Parigi dove si è diplomata in Graphic Design presso l’Ensaama (École nationale supérieure des arts appliqués et des métiers d’art), ha poi emigrato nel Regno Unito entrando a far parte, nel 2006, del prestigioso studio multidisciplinare Airside operando nel settore del design e dell’illustrazione.

Dal 2011 ha cominciato a costruirsi il proprio business dando spazio alla sua carriera di illustratrice, divenendo una tra le più acclamate disegnatrici internazionali (Gucci, The New Yorker, Vogue, Sephora figurano tra i suoi clienti).

malika favre illustrazioni

Illustrissima 2019 è, pertanto, Malika Favre col suo stile audace e minimal, frequentemente descritto come “la Pop Art che incontra l’Optical Art”, una singolare lezione su come utilizzare lo spazio e i colori bilanciandoli in base alla dicotomia positivo-negativo, tra sensualità, umorismo, e un’interpretazione originale dell’ordinario.

 La mostra, dove e quando

Illustrissima. Malika Favre, 18 maggio – 25 agosto 2019, Gallerie d’Italia – Palazzo Leoni Montanari, Contra’ Santa Corona 25, Vicenza. Biglietto: € 5 (valido per le 3 mostre: “Illustri”, “Saranno Illustri”, “Illustrissima”). Qui maggiori informazioni.

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *