You are currently viewing Alla scoperta del turismo enogastronomico della Puglia

Alla scoperta del turismo enogastronomico della Puglia

Se sei appassionato/a di enogastronomia e vuoi scoprire la Puglia apprezzerai di certo il post di oggi! Ti parlo infatti del turismo vinicolo pugliese, di come si è sviluppato e di quali sono le realtà più interessanti che propongono questo tipo di turismo.

nascita del turismo del vino in italia
Foto Pixabay

La nascita del turismo del vino in Italia

Il turismo del vino è una realtà consolidata e sempre più apprezzata non solo dai cultori del vino ma anche da chi ama la natura e le passeggiate all’aria aperta dato che questo genere di turismo include una full immersion negli ambienti dove crescono le viti, e quindi le campagne e i paesaggi dove la natura la fa da padrone, come dovrebbe sempre essere e come si spera possa essere sempre più in futuro, che non è mai troppo lontano. L’attenzione che si sta riservando attualmente all’ambiente compreso il rispetto dello stesso lascia ben sperare. Ai posteri l’ardua sentenza, come si suol dire!

Il turismo legato al vino è un fenomeno nato in Italia più di vent’anni fa, nel 1993, grazie al lavoro di divulgazione e promozione svolto da associazioni come Città del vino, Cantine Aperte e Movimento del Turismo del Vino, tutte realtà che riuniscono cantine, ristoranti, enoteche, giornalisti, blogger e agenzie di viaggio uniti da un unico comune denominatore: la passione vinicola.

turismo enogastronomico puglia
Foto Pixabay

Più recente invece la nascita della prima fiera dell’enoturismo, denominata Vin Tour, risalente al 2002 (fonte web: Turismo del vino excursus storico in Italia), e la legge che regolarizza l’enoturismo (2019) su proposta del senatore pugliese Dario Stefàno, autore del libro “Turismo del vino in Italia. Storia, normativa e buone pratiche”. 

Il turismo del vino in Puglia

Il turismo del vino in Puglia nasce ufficialmente nel 1998 con la costituzione del Movimento Turismo del Vino Puglia grazie a cinque pionieri, cinque produttori vinicoli – tra cui Vittoria Cisonno, ora a capo del Consorzio Movimento Turismo dell’Olio, nato da poco – che hanno ben capito l’importanza del promuovere la cultura del vino portando le persone interessate nei suoi luoghi di produzione.

Un’ottima opportunità per agevolare e accrescere i flussi turistici nei territori con una forte vocazione vinicola, ma anche per qualificare i servizi turistici delle cantine, potenziare l’immagine della stessa Puglia e accentuarne le prospettive economiche ed occupazionali.

turismo del vino in puglia
Castel Del Monte, Puglia. Foto Pixabay

Grazie a tutto questo si è venuta a creare una grande famiglia del vino che dalle iniziali cinque realtà del settore oggi ne vanta molte di più tra cantine e associazioni che rappresentano una fetta importante e prestigiosa del comparto vitivinicolo pugliese, dalla Daunia al Salento.

Il Movimento Turismo del Vino Puglia, tra l’altro, costituisce ad oggi l’unica realtà no profit attiva che raggruppa un’ampia rappresentanza di enti che hanno a che fare con la produzione del vino.

Gli itinerari enogastronomici in Puglia

Quali sono le realtà pugliesi che propongono itinerari turistici a tema vinicolo con tanto di degustazioni finali? La prima di queste è naturalmente il sopra citato Movimento Turismo del Vino Puglia, che propone diverse, magnifiche tappe – dalla Daunia allo Ionio – alla scoperta di borghi, vigneti, centri storici e parchi naturali.

Vi è poi il Consorzio Primitivo di Manduria, altro interessante ente da prendere in considerazione. Da tre anni infatti viene proposta l’iniziativa Tra le Torri del Primitivo di Manduria con cinque tappe, da luglio a settembre, per scoprire bellezze storiche, naturalistiche e, soprattutto, vitivinicole. Si va così alla scoperta di castelli, percorsi meno conosciuti e monumenti per cogliere, grazie ad una guida turistica, le peculiarità culturali e archeologiche del territorio di Manduria, in provincia di Taranto. Ogni evento si conclude con una degustazione offerta dalle aziende del Consorzio di Tutela e la consegna di un kit di prodotti tipici in sacchetti bio, a cura di Slow Food Puglia.

itinerari enogastronomici in puglia
Paesaggio di ulivi, in Puglia. Foto Pixabay

Altri giri, altre esplorazioni. Come quelle con Terra che Vive, un sito specializzato nella ricerca e promozione di esperienze enogastronomiche in Puglia e dove si ha la possibilità di fare esperienze local con esperti locali, come con i tour di degustazione per scoprire e naturalmente assaggiare i migliori vini pugliesi.

E infine il sito ufficiale del turismo in Puglia, Viaggiare in Puglia, che propone differenti percorsi compresi quelli dedicati all’enogastronomia del territorio pugliese.

La Puglia è una regione talmente ricca di storia, arte e cultura, compresa quella enogastronomica, che non si finisce mai di scoprirla. Io stessa la devo ancora esplorare per bene. Per cui se sei curioso/a di scoprire le mie avventure non dovrai far altro che continuare a tenere d’occhio questo blog!

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Grazie!
    Questo post è molto importante, anche alla luce delle nuove proposte che ci giungono all’orecchio …
    E non vedo l’ora di seguire il racconto della vacanza che stai programmando!

    1. Maria Curci

      Grazie mille, cara! In vino veritas.

Lascia un commento