You are currently viewing Claudia Andujar e la resistenza degli Yanomami in mostra

Claudia Andujar e la resistenza degli Yanomami in mostra

Claudia Andujar, la biografia

La fotografa Claudia Andujar è una che ha a cuore il tema della resistenza umana, vissuta anzitempo sulla propria pelle. Nata infatti Claudine Haas nel 1931 a Neuchâtel, in Svizzera, da padre ungherese ebreo e madre svizzera fa subito i conti con il nazismo durante la seconda guerra mondiale: il padre muore nel campo di concentramento di Dachau, così lei e la madre fuggono dapprima in Austria, poi nuovamente nella natia Svizzera e in seguito negli Stati Uniti.

Negli USA si dedica agli studi umanistici presso l’Hunter College di New York City. Proprio qui, a NY, incontra il rifugiato spagnolo Julio Andujar, di cui s’innamora e che sposa nel 1949, conservandone ad oggi il cognome nonostante la separazione. Nel 1956 la Andujar si trasferisce in Brasile per raggiungere la madre e intraprendere la carriera di fotografa.

claudia andujar fotografa
Claudia Andujar ritratta nella sua casa di San Paolo in Brasile nel 2019. Foto di Victor Moriayama/Le Monde Courtesy Fondation Cartier pour l’art contemporain

Un progetto sul popolo indigeno Karajá, nel Brasile centrale, la porta infatti a iniziare una carriera nel mondo del fotogiornalismo grazie al quale conquista pubblicazioni su varie riviste, tra cui Life.

Claudia Andujar e il popolo Yanomami

Nel 1971 si approccia alla cultura del popolo Yanomami grazie ad un fotoreportage realizzato per la rivista Realidade. Un’esperienza che la appassiona al punto che nel 1978 è tra i fondatori della Commissione Pro Yanomami (CCPY), organizzazione per la difesa dei diritti degli Yanomami, che ha diretto lei stessa per un bel po’ di anni. Ha anche contribuito alla costituzione, da parte del governo brasiliano, del Parco Yanomami, un’area protetta riservata a questa popolazione amerindia.

claudia andujar la lotta yanomami
© Claudia Andujar Courtesy Fondation Cartier pour l’art contemporain

Tutto questo ha portato Claudia Andujar ad essere riconosciuta come attivista dei diritti umani, in particolare quelli delle popolazioni indigene sudamericane come gli Yanomami che ha cercato di aiutare anche in modo più concreto, oltre a documentare la loro vita, le loro abitudini e tradizioni.

Per esempio portando assistenza medica quando scoppiò tra questa gente l’epidemia di morbillo in seguito ad un progetto autostradale sul loro territorio, o quando vi è stata l’epidemia di malaria e avvelenamento da mercurio indotto dall’afflusso di cercatori d’oro illegali nella regione i quali hanno finito con l’inquinare le fonti di acqua e di cibo. Per non parlare dei casi, massicci, di incendi e di deforestazione.

popolo yanomami
© Claudia Andujar Courtesy Fondation Cartier pour l’art contemporain

Un avvelenamento che continua ancora, complicato dalla recente pandemia abbattutasi anche su queste popolazioni sempre a causa degli invasori, da sempre obnubilati dai propri interessi personali e poco, o per niente, rispettosi di quelli altrui.

L’attivismo di Claudia Andujar

Gli scatti fotografici della Andujar, esposti nelle collezioni di vari musei tra cui il Museum of Modern Art e l’Eastman House di Rochester, entrambi a New York, hanno contribuito in modo significativo a sensibilizzare l’opinione pubblica su quanto sia vitale rispettare le zone verdi della terra – i cosiddetti polmoni terrestri – in particolare quelle della Foresta Amazzonica, con le relative popolazioni che ci vivono.

Un lavoro che è valso alla fotografa svizzero brasiliana vari riconoscimenti e onorificenze in ambito culturale e ambientale.

claudia andujar attivista
Susi Korihana thëri, pellicola infrared. Catrimani, Roraima, 1972-1974. © Claudia Andujar Courtesy Fondation Cartier pour l’art contemporain

Ma cerchiamo di capire meglio anche il popolo Yanomami. Chi sono esattamente costoro? T’invito a scoprirlo qui sotto.

La popolazione Yanomami

Gli Yanomami, o Yanomamö, sono una delle più numerose popolazioni indigene del Sud America, abitanti di quella zona di foresta amazzonica che si estende tra il Brasile settentrionale e il Venezuela meridionale, il cuore della foresta pluviale.

Vivono in villaggi chiamati yano o shabono dalla tipica forma ovale, che possono ospitare da 50 a 400 persone, appartenenti allo stesso ceppo familiare. Tendono a vivere sotto lo stesso tetto ma ciascuna famiglia è suddivisa da pali di sostegno.

yanomami popolazione
Decorazione con piume. Multiesposizione, Catrimani, Roraima, 1974. © Claudia Andujar Courtesy Fondation Cartier pour l’art contemporain

Almeno 3 gruppi di essi rimangono incontattati, privi di contatto col mondo esterno, per loro volontà, in modo da continuare a poter vivere in pace nel rispetto delle proprie tradizioni e non essere contaminati dagli invasori, in genere portatori di malattie e distruzioni.

Le caratteristiche del popolo Yanomami

La popolazione Yanomami crede fortemente nell’uguaglianza tra le persone e non riconosce “capi”. Infatti la loro organizzazione politica e sociale è priva di una leadership centralizzata e coercitiva. L’accesso pertanto al ruolo di leader è uguale per tutti i membri del villaggio.

Anche il loro stile di vita è di tipo comunitario: nessun cacciatore mangia la carne dell’animale che ha ucciso, ma la cede ad amici e familiari ricevendo in cambio la carne da un altro cacciatore.

Costoro inoltre vivendo perennemente a contatto con la natura hanno una vastissima conoscenza botanica oltre ad una sofisticata relazione con l’ambiente. Nel loro quotidiano utilizzano circa 500 piante per nutrirsi e curarsi ma anche per costruire case e manufatti.

claudia andujar yanomami
Catrimani, Roraima, 1976. © Claudia Andujar Courtesy Fondation Cartier pour l’art contemporain

Gli Yanomami, come la maggior parte delle popolazioni indigene, hanno una predilezione per il mondo spirituale: ogni creatura, montagna, roccia o albero che sia per loro ha un proprio spirito. Talvolta questi spiriti possono rivelarsi ostili al punto da portare malattie, che cercano di contrastare tramite lo sciamanesimo e i suoi riti.

Un mondo, in parte incontaminato, che ci riporta alle origini e per questo affascinante, un universo da tutelare ai fini della biodiversità terrestre ma anche per tutte le popolazioni della Terra, compresi noi occidentali, come ha asserito Davi Yanomami, portavoce di questo popolo e principale leader degli indios brasiliani, nel suo libro La Caduta del cielo (edizioni Nottetempo).

claudia andujar mostra
© Claudia Andujar Courtesy Fondation Cartier pour l’art contemporain

Gli scatti di Claudia Andujar alla Triennale di Milano

Dedicata agli Yanomami è la mostra, organizzata dalla Triennale di Milano in collaborazione con la Fondazione Cartier, “Claudia Andujar: La lotta Yanomami“: la più grande esposizione finora dedicata al lavoro e all’attivismo della fotografa Claudia Andujar.

La mostra, curata dal Direttore del Dipartimento di Fotografia contemporanea dell’Istituto Moreira Salles in Brasile, Thyago Nogueira, espone l’opera della Andujar tra fotografie a colori e altre in bianco e nero, installazioni, documenti storici, ma anche disegni e un filmato realizzato dagli stessi Yanomami.

claudia andujar triennale milano
© Claudia Andujar Courtesy Fondation Cartier pour l’art contemporain

La rassegna (attualmente chiusa) dura, salvo ulteriori indicazioni, fino ai primi di febbraio ma è possibile cogliere degli elementi riconducibili ad essa online a questo link oppure tramite Youtube qui.

La mostra, dove e quando

Claudia Andujar: la lotta Yanomami, 17 ottobre 2020 – 7 febbraio 2021, Fondazione La Triennale di Milano, Viale Emilio Alemagna 6, Milano. Qui maggiori informazioni.

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Grazie!
    Ho imparato due cose che non sapevo!
    Ho conosciuto Claudia Andujar e mi è piaciuto moltissimo lo sguardo che hai aperto sulla sua vita, e ho conosciuto anche il popolo degli Yanomami.
    Le foto sono davvero fantastiche, oltre che suggestive ed ho trovato tutto molto interessante.

    1. Maria Curci

      Grazie a te! <3
      Anche per me è stata un'altra bellissima scoperta!

Lascia un commento